13 agosto 2015

Davanti allo specchio

Mi sono fermata davanti allo specchio e ho cominciato a guardarmi, sono rimasta immobile per non so quanto tempo,ho voluto osservarmi bene, come quando si fissa una fotografia e quell'immagine ti rimane impressa per sempre e ogni volta che la penserai sarai così.

Ho guardato i miei occhi, a lungo, intensamente, come a cercare chi abitasse dentro di loro e ci ho ritrovato una ragazzina piena di sogni e speranze con un sacco di prospettive e desideri e di aspettative;

poi ho osservato i lineamenti del viso, la pelle luminosa e mi sono riscoperta bella, 
le mie piccole prime rughe che cominciano a disegnarsi sul volto e che mi ricordano di essere una donna, una donna vera!

Che sensazione fantastica è scoprirsi donna e al tempo stesso non aver perso la curiosità per ciò che ancora devo vivere e ritrovare un poco della mia adolescenza, quasi un controsenso.

Il corpo dimostra esattamente l'età che ho, è anche parecchio trascurato, ma poi ho posto l'attenzione nuovamente sul viso e la smorfia di disapprovazione che stavo inconsapevolmente facendo si è trasformata in un accenno di sorriso che mi ha stupita...stavo pensando che sono ancora in tempo a migliorarmi e che non mi importa poi più di tanto, ora voglio gustarmi il mio nuovo potere:

quello di avere la libertà di essere me stessa, libera da ciò che pensano gli altri, libera dalle etichette che inevitabilmente ti appioppano.

Io sono solo ciò che voglio essere e le persone se ne accorgono quando abbiamo energia positiva.

Ci vuole davvero poco a vedere il mondo con occhi diversi
Prendiamo uno specchio e lasciamo uscire dall'anima chi vogliamo essere e chi siamo davvero.


Continua a leggere...